Christopher Furlong/ Getty Images

I nazionalisti d’Europa si combattono solo con più Europa

BRUXELLES – La scelta degli elettori britannici di uscire dall’Unione europea è stata infausta, ma non certo inaspettata. Per decenni, infatti, i politici britannici hanno evitato di sostenere la causa dell’Europa, o anche solo di spiegare ai loro concittadini come funziona l’Unione e perché è necessaria.

Durante il suo mandato da premier, David Cameron non ha mostrato alcuna iniziativa autorevole o volontà di instaurare un vero dialogo con l’Ue. Nel suo continuo scagliarsi contro burocrati senza volto di Bruxelles, ha sempre mantenuto un piede dentro e uno fuori. Purtroppo, il suo tentativo in extremis di difendere la permanenza nell’Ue durante la campagna referendaria non è bastato ad annullare gli effetti di decenni di bugie sull’opinione pubblica britannica.

La Gran Bretagna ha scelto la via dell’isolamento in Europa, ignorando i consigli di amici e alleati. Ora che il suo declino post-imperiale è completo, la lezione più importante che si può ricavare dal voto sulla Brexit, che ha segnato il suo destino, è che non si può sconfiggere il nazionalismo assecondando i nazionalisti. Se vuole affrontare i focolai di nazionalismo che stanno minando la sua stessa ragion d’essere, l’Ue dovrà dare ascolto alle preoccupazioni della gente e offrire una visione completamente nuova di governance efficace. In caso contrario, il cancro nazionalista è destinato a diffondersi.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/9XPBi0k/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.