Polio vaccination Pacific Press/Getty Images

Quando il populismo rischia di uccidere

LONDRA – Negli ultimi anni, un infondato scetticismo verso i vaccini emerso in alcune comunità sia nei paesi in via di sviluppo che in quelli sviluppati è diventato uno degli ostacoli più gravi al progresso sul fronte della salute pubblica a livello globale. Di fatto, tale scetticismo è una delle ragioni principali per cui alcune malattie infettive eliminabili persistono ancora oggi.     

Ad esempio, l’impegno nella lotta contro la poliomielite ha subito una battuta d’arresto in Afghanistan, Pakistan e Nigeria, dove il regime dei militanti islamici ha favorito una maggiore resistenza alle campagne di vaccinazione. Inoltre, negli ultimi anni molti paesi ad alto reddito hanno avuto a che fare con epidemie di morbillo a causa dei timori suscitati da un articolo tendenzioso sui vaccini che uscì sulla rivista medica britannica The Lancet nel 1998.

Più di recente, lo scetticismo sulla sicurezza e l’efficacia dei vaccini sembra essere aumentato nell’Europa meridionale. Secondo uno studio del 2016, la Grecia figura adesso tra i primi dieci paesi al mondo con il più basso tasso di fiducia nella sicurezza dei vaccini. Come osservato dal ministro della sanità greco Andreas Xanthos, gli operatori sanitari vengono a contatto con un numero sempre maggiore di genitori spaventati dall’idea di vaccinare i propri figli.    

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/6bBvtFk/it;

Handpicked to read next

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.