Pope Francis

Un impasse per il Papa in Messico

LIMA – Il 17 febbraio Papa Francesco celebrerà la messa a Ciudad Juárez, in Messico, nella parte meridionale del confine con gli Stati Uniti. Senza dubbio coglierà quest’opportunità per chiedere di sostenere i poveri del Messico e coloro che sono migrati verso il nord.

Dopotutto lo ha già fatto a settembre durante la sua toccante omelia al Madison Square Garden di New York. Facendo riferimento agli 11 milioni di immigrati irregolari presenti negli Stati Uniti ha esortato chi lo ascoltava ad aprirsi a “quelle persone che non sembrano appartenere a nessun luogo o che sono cittadini di seconda classe…perchè non hanno alcun diritto di essere in quel territorio”.

Ma la mancanza di diritti è un problema che non riguarda solo gli Stati Uniti e neppure esclusivamente gli immigrati che non hanno l’autorizzazione legale a rimanere nel paese in cui risiedono. Ben più grandi e dannose sono infatti le difficoltà che affliggono cinque miliardi di persone che non hanno il diritto di proprietà documentato. Solo in Messico ci sono 10 milioni di abitazioni urbane, 137 milioni ettari di terreno e sei milioni di aziende i cui proprietari hanno una scarsa protezione del loro diritto di proprietà.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/ILGT6My/it;

Handpicked to read next

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.