Employees of shoe manufacturing park at work in Addis Ababa SOPA Images/Getty Images

Crescita Senza Industrializzazione?

CAMBRIDGE – Molte delle economie più povere del mondo presentano un andamento positivo, nonostante i bassi prezzi mondiali delle merci da cui tendono a dipendere. La crescita economica dell’Africa subsahariana ha rallentato precipitosamente dal 2015, ma questo riflette problemi specifici in tre delle sue maggiori economie (Nigeria, Angola e Sudafrica). Etiopia, Costa d’Avorio, Tanzania, Senegal, Burkina Faso e Ruanda sono tutti paesi proiettati, quest’anno, verso la realizzazione di una crescita del 6%, se non di più. In Asia, lo stesso vale per India, Myanmar, Bangladesh, Lao PDR, Cambogia e Vietnam.

Si tratta di una buona notizia, ma anche di difficile interpretazione. Le economie in via di sviluppo che riescono a crescere rapidamente in modo continuativo senza dipendere dal boom economico delle risorse naturali – come è successo alla maggior parte di questi paesi per un decennio o più – lo fanno normalmente attraverso un’industrializzazione orientata all’esportazione. Ma pochi di questi paesi stanno sperimentando una grande industrializzazione. La componente della produzione industriale dei paesi subsahariani a basso reddito è sostanzialmente stagnante – e in alcuni casi in declino. E nonostante i numerosi dibattiti sul “Make in India”, uno degli slogan del Primo Ministro Narendra Modi, il paese mostra pochi segnali di una rapida industrializzazione

Per i paesi a basso reddito la produzione industriale è diventata una potente scala mobile di sviluppo economico per tre motivi. In primo luogo, è stato relativamente facile assorbire la tecnologia dall’estero e generare posti di lavoro ad alta produttività. In secondo luogo, i lavori industriali non hanno richiesto un livello elevato di qualificazione: è stato possibile che gli agricoltori divennissero operai all’interno delle fabbriche con pochi investimenti in formazione aggiuntiva. E, in terzo luogo, la domanda industriale non è stata limitata dai bassi redditi interni: la produzione ha potuto espandersi praticamente senza limiti, attraverso le esportazioni.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/gdWG8M5/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.