Congolese refugee in Uganda AFP/Stringer

I paesi poveri saldano il conto dei rifugiati

PARIGI – La crisi dei rifugiati siriani ha attirato l’attenzione sulla necessità di migliorare la gestione dei flussi dei rifugiati in situazioni di crisi. In questo contesto, una delle questioni particolarmente allarmanti è che i paesi poveri potrebbero finire per pagare un prezzo indiretto piuttosto consistente per gli sforzi dei paesi ricchi.

I dati dimostrano infatti che una percentuale sostanziale dei costi associati ai flussi dei rifugiati e dei richiedenti asilo in alcuni paesi europei viene registrata come aiuti allo sviluppo, ovvero lo strumento che il Comitato di aiuto allo sviluppo (CAS) dell’OCSE utilizza per tenere traccia della spesa per gli aiuti. Ciò comporta una ridotta disponibilità di fondi per lanciare, sostenere ed espandere i progetti di sviluppo economico nei paesi poveri.

Nel 2015 gli stati membri del CAS dell’Unione europea hanno speso 9,7 miliardi di dollari del loro budget in aiuti allo sviluppo per circa 1,2 milioni di richiedenti asilo nei loro paesi. Per contro, hanno speso 3,2 miliardi di dollari in aiuti allo sviluppo in Siria, Afghanistan, Somalia, Sud del Sudan e Sudan, ovvero i primi cinque paesi da cui provengono i rifugiati. 

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/2alzQjU/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.