Panana luxury boats Joe Raedle/Getty Images

La guerra alla segretezza

LONDRA – Cos’hanno in comune i Panama papers recentemente pubblicati, ExxonMobil e una società mineraria canadese attiva in Guatemala? Sono tutti casi in cui potenti individui e organizzazioni hanno tentato di offuscare, ingannare o nascondersi nelle retrovie. E sono tutti casi in cui questi tentativi non hanno funzionato.

La bufera scatenata a livello mondiale dai Panama Papers – 11 milioni e mezzo di file rubati, apparentemente da hacker informatici, dagli archivi del quarto studio legale più grande al mondo per la gestione di società offshore, Mossack Fonseca di Panama – continuerà a imperversare ancora per un po’. La fuga di notizie ha rivelato le procedure estreme, e talvolta onerose, di cui si avvalgono certi soggetti per nascondere i propri beni ed evitare il fisco. Quanto scoperto rivela l’uso legale ma eticamente sospetto di scappatoie fiscali e i tentativi per nascondere o riciclare denaro ottenuto con la corruzione o altre attività illegali.

L’effetto: un’ondata di dure reazioni e polemiche praticamente in ogni parte del mondo. Il primo ministro dell’Islanda è stato costretto a dimettersi, una volta scoperto che deteneva azioni in società offshore con la moglie. Sono implicati anche i parenti degli alti funzionari cinesi, inclusi il presidente Xi Jinping, così come alcuni amici del presidente russo Vladimir Putin.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/91wqpq9/it;