owhite3_akindoGetty Images_businessfinanceglobe akindo/Getty Images

La promessa degli open data finanziari

SAN FRANCISCO – Dall’Australia al Brasile, dalla Nigeria agli Stati Uniti, i paesi stanno mettendo in atto nuove linee guida e regolamenti per regolare la condivisione digitale dei dati finanziari. L’obiettivo è stimolare la creazione di ecosistemi di dati digitali che accelerino e velocizzino le interazioni tra le istituzioni finanziarie e i loro clienti privati e corporate. E l’eventuale successo della prassi per rendere accessibile i dati finanziari potrebbe anche fornire un impulso più ampio al Pil globale.

Consentendo ai dati dei clienti di fluire senza attriti tra gli istituti finanziari attraverso API (Application Programming Interfaces), i sistemi open data riducono o eliminano la necessità di elaborazione manuale dei dati. La fiducia dei consumatori è il prerequisito essenziale per un sistema di questo tipo, che si può ottenere solo garantendo un cuscinetto protettivo a livello di consenso degli utenti, protezione dei dati e sicurezza informatica.

Con le garanzie in atto, i benefici possono essere significativi. I singoli e le piccole imprese possono ottenere maggiore accesso ai servizi finanziari; ad esempio, i dati che mostrano che un cliente con una posizione creditizia bassa è affidabile nel pagamento di bollette, affitto e altri conti possono migliorare le possibilità di ricevere un prestito, anche in caso di prima richiesta.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

or

Register for FREE to access two premium articles per month.

Register

https://prosyn.org/tcpJ64qit