15

Obama e la questione dei 400.000 dollari

NEW YORK – La Fox Business ha riportato in tono positivo la notizia che l’ex Presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha accettato 400.000 dollari dalla società di investimenti di Wall Street, Cantor Fitxgerald, per parlare ad una conferenza sulla sanità a settembre. Tra le persone più deluse da questa notizia ci sono delle figure che stimo molto, come ad esempio la senatrice Elizabeth Warren, che ha affermato di essere rimasta “turbata” dalla decisione di Obama, ed il senatore Bernie Sanders secondo cui la notizia sarebbe “molto sgradevole”. Ma la decisione di Obama, a mio avviso, ha in sé qualche elemento di riscatto.

Ho incontrato Obama due volte e in entrambe le occasioni sono stato colpito dal suo calore e dalla sua grazia naturale. La prima volta l’ho incontrato il 7 novembre del 2010 in occasione della cena organizzata dal Primo Ministro indiano di allora, Manmohan Singh, in onore di Obama presso la sua residenza di Nuova Dehli. In quegli anni l’economia indiana attirava molta attenzione grazie alla sua ripresa rapida subito dopo la crisi finanziaria del 2008. Quando Singh mi ha presentato come Capo consigliere economico del governo indiano, Obama ha dimostrato la sua facilità nel botta e risposta. Ad un certo punto si è rivolto al Segretario del Tesoro Timothy Geithner e mi ha detto “dovresti dare qualche consiglio a questo ragazzo.”

Il nostro secondo incontro si è svolto a gennaio 2015, poche settimane prima di un’altra sua visita ufficiale in India.  I consiglieri di Obama mi hanno invitato alla Casa Bianca per fare un briefing al presidente sullo stato dell’economia indiana nell’ambito di un incontro di tre o quattro persone sulle relazioni tra l’India e gli Stati Uniti. Quell’incontro è stato per me uno dei momenti più memorabili perché credo che Obama abbia seguito il consiglio che gli ho dato. Questo mi incoraggia a dargli un altro consiglio ora che ha accettato una somma controversa per intervenire ad una conferenza.

L’accordo di Obama con la Cantor Fitzgerald è una chiara dimostrazione di come l’economia aziendale è cambiata negli ultimi decenni. In quest’era di globalizzazione e sovraccarico di informazioni, tutti cercano disperatamente l’attenzione degli altri. L’hamburger speciale nel menu di un ristorante non ha valore se le persone non lo conoscono. Con così tanti produttori che litigano per l’attenzione dei clienti, il marketing e le sponsorizzazioni sono diventate ancora più importanti e costose.