Change in Private Sector Employment (2008-2012)

La ripresa di Obama?

CAMBRIDGE – Con le elezioni americane di novembre alle porte, i candidati repubblicani che tentano di sfidare il presidente Barack Obama affermano che le sue politiche non hanno fatto nulla per sostenere la ripresa dalla recessione che lui stesso aveva ereditato nel gennaio del 2009. Anzi – sostengono – i suoi stimoli fiscali, i salvataggi bancari e l’aggressiva politica monetaria attuata dal presidente della Federal Reserve Ben Bernanke avrebbero peggiorato la situazione.

I sostenitori democratici di Obama replicano che le sue politiche hanno evitato una seconda Grande Depressione, e che l’economia americana si sta lentamente tirando fuori dal baratro in cui era caduta. Gli osservatori moderati, invece, concludono dicendo che non si può intavolare alcun dibattito, perché nessuno sa cosa sarebbe successo se le cose fossero andate diversamente.

Bisogna però ammettere che le politiche governative – per quanto non siano state abbastanza forti da riportare rapidamente l’economia in salute – hanno effettivamente frenato un declino economico in espansione. Gli osservatori moderati hanno ragione a sostenere che non si può provare ciò che sarebbe successo in altre condizioni. È altrettanto vero che raramente le politiche governative hanno un immediato impatto sull’economia.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/5joc1G3/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.