La difficile estate fiscale di Obama

PALO ALTO – L'amministrazione Obama ha subito una serie di sconfitte in ambito fiscale quest'estate. Ma ha imparato niente in questi mesi?

Primo, al summit del G-20 in Canada, il Presidente Obama ha subito il secco rifiuto da parte del Primo Ministro canadese Stephen Harper, del nuovo Primo Ministro inglese, David Cameron, e della Cancelliera tedesca Angela Merkel, tra gli altri, alle sue richieste di incrementare lo stimolo fiscale (incrementando le spese pubbliche). Al contrario, questi si sono adesso impegnati a consolidare le loro finanze, a seguito dell'immensa esplosione di deficit e debito pubblico durante la recessione del 2008-09, impegnandosi a dimezzare i loro deficit entro il 2013 e stabilizzare il loro debito pubblico, in rapporto al prodotto interno lordo, entro il 2016.

Obama ha dichiarato al summit che proporrà misure drastiche per ridurre il deficit il prossimo anno. Ma parlare è sempre più facile che agire. Finora l'amministrazione Obama ha seguito la strategia opposta, spendendo allegramente e sperando che le preoccupazioni su deficit e debito pubblico spingano l'opinione pubblica ad accettare un aumento delle tasse, possibilmente addirittura una tassa sul valore aggiunto in stile europeo.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/jsATb8N/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.