Obama a metà del guado

NEW YORK – Nel settembre del 2008 l'economia globale ed il sistema finanziario sono stati scossi da un terremoto il cui epicentro era negli Stati Uniti. Era la fine dell'amministrazione Bush: l'elezione presidenziale era a due mesi di distanza. La tempistica, dal punto di vista della gestione della crisi, non sarebbe potuta essere peggiore.

Il livello d'incertezza sul valore degli assets, sulla solvibilità e sull'interdipendenza tra i bilanci che prevaleva allora era straordinariamente alto. L'incertezza causò paura, inducendo banche, imprese e famiglie ad accumulare liquidità. I consumi crollarono, affossando le vendite al dettaglio, e, subito dopo, anche occupazione e investimenti. Scelte individualmente razionali stavano generando risultati collettivamente irrazionali.

Queste condizioni avevano tutta l'aria di uno scenario da depressione economica, con una stretta creditizia che distruggeva indiscriminatamente tutte le attività economiche, e quindi richiedeva una risposta rapida, aggressiva e anticonvenzionale da parte del governo americano e della Federal Reserve. La risposta, preparata dall'amministrazione Bush e portata avanti dall'amministrazione Obama, rispondeva esattamente a questi requisiti.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/txdV9ca/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.