Obama a metà del guado

NEW YORK – Nel settembre del 2008 l'economia globale ed il sistema finanziario sono stati scossi da un terremoto il cui epicentro era negli Stati Uniti. Era la fine dell'amministrazione Bush: l'elezione presidenziale era a due mesi di distanza. La tempistica, dal punto di vista della gestione della crisi, non sarebbe potuta essere peggiore.

Il livello d'incertezza sul valore degli assets, sulla solvibilità e sull'interdipendenza tra i bilanci che prevaleva allora era straordinariamente alto. L'incertezza causò paura, inducendo banche, imprese e famiglie ad accumulare liquidità. I consumi crollarono, affossando le vendite al dettaglio, e, subito dopo, anche occupazione e investimenti. Scelte individualmente razionali stavano generando risultati collettivamente irrazionali.

Queste condizioni avevano tutta l'aria di uno scenario da depressione economica, con una stretta creditizia che distruggeva indiscriminatamente tutte le attività economiche, e quindi richiedeva una risposta rapida, aggressiva e anticonvenzionale da parte del governo americano e della Federal Reserve. La risposta, preparata dall'amministrazione Bush e portata avanti dall'amministrazione Obama, rispondeva esattamente a questi requisiti.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

http://prosyn.org/txdV9ca/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.