Dalla prevenzione alla sicurezza nucleare

WASHINGTON, DC/MOSCA – Quattro anni fa, un devastante tsunami si abbatté sulle coste del Giappone. Onde alte quindici metri sfondarono la diga della centrale nucleare di Fukushima Daiichi, mettendo fuori uso il generatore di emergenza e disattivando i sistemi di raffreddamento dell'impianto.

L'incidente nucleare di Fukushima è stato il peggiore dai tempi dell'avaria alla centrale di Chernobyl avvenuta nel 1986. Gli inquirenti incaricati di far luce sulle cause giunsero alla conclusione che una di esse era stata l'eccessiva sicurezza di sé: i responsabili dell'impianto erano convinti che i sistemi di sicurezza fossero indistruttibili, e per questo non vi era stato un controllo indipendente efficace.

Il disastro in Giappone ha accelerato l'attuazione di riforme nell'ambito della prevenzione dei rischi legati al nucleare. Quando, però, si parla di sicurezza nucleare, la troppa disinvoltura resta un problema importante, e non bisogna aspettare che accada una tragedia per affrontarlo.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/FRNeJ4P/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.