Paul Lachine

Per una rivoluzione economica araba

BEIRUT – La rivoluzione che sta interessando tutto il mondo arabo ha costretto i popoli ed i governi della regione a doversi confrontare con il bisogno del cambiamento. Anni di immobilità hanno aperto la strada ad una spinta frenetica verso nuove riforme mirate a soddisfare le aspirazioni ed il malcontento di milioni di persone.

Ma lo slancio a favore di queste riforme sta prendendo due direzioni decisamente opposte. Una vuole che i governi pensino ai bisogni del loro popolo, l’altra chiede a gran voce ai governi di smetterla di limitare la libertà dei popolo, in particolar modo la libertà economica. La prima tipologia di riforme non farà altro che esacerbare i gravi problemi del mondo arabo, mentre la seconda offre la speranza di un cambiamento positivo e sostenibile.

In diversi paesi arabi, in particolar modo nell’Arabia Saudita, i governatori hanno tentato di placare l’insoddisfazione popolare elargendo contanti, sussidi, posti di lavoro garantiti e beni e servizi gratuiti. Quest’espressione di generosità implica una fondamentale incomprensione delle cause del malcontento attuale, attribuendo infatti tale insoddisfazione a motivazioni puramente materiali.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/9Ms05YP/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.