santos9_Alexis RosenfeldGetty Images_coraldiverbiodiversity Alexis Rosenfeld/Getty Images

Conferire il premio Nobel per la pace ai difensori della natura

BOGOTÁ – Ovunque nel mondo, i contributi della biodiversità e della natura stanno diminuendo a un ritmo senza precedenti. L’estinzione di alcune specie sta registrando un’accelerazione, con gravi implicazioni per la salute umana, la sicurezza alimentare e delle risorse idriche, e la riduzione della povertà.    

Dobbiamo mostrare solidarietà nei confronti del milione di specie animali e vegetali attualmente a rischio di estinzione. La natura è una sorta di assicurazione sulla vita per i 7,8 miliardi di abitanti del pianeta. Proteggendola, difenderemo anche una risorsa economica insostituibile. Secondo un rapporto del Forum economico mondiale uscito nel gennaio 2020, più della metà del Pil globale dipende da “servizi naturali” quali impollinazione, purificazione delle acque e controllo delle malattie. Preservare la biodiversità e gli ecosistemi, pertanto, garantisce sicurezza contro un’ampia gamma di minacce, dalle crisi alimentari e delle risorse idriche ai violenti conflitti alimentati dalla penuria di risorse.   

Gli anni 2021 e 2022 saranno ricordati come tappe fondamentali nell’impegno globale volto a tutelare e ripristinare la natura. Il Congresso mondiale per la conservazione della biodiversità dell’Unione internazionale per la conservazione della natura, tenutosi a Marsiglia il mese scorso, ha aperto la strada alla Conferenza delle Nazioni Unite sulla biodiversità di Kunming, in Cina (che si svolgerà in due momenti diversi, a ottobre e ad aprile). In tale occasione, rappresentanti di tutto il mondo adotteranno un nuovo e ambizioso quadro globale per salvare la natura. 

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

or

Register for FREE to access two premium articles per month.

Register

https://prosyn.org/D7wSXUIit