Un mondo in riabilitazione

CAMBRIDGE – Forse dovremmo chiamare il 2013 l'anno dell'economia secondo Winehouse. Come cantavaAmy Winehouse, la cantante inglese scomparsa di recente: "Hanno cercato di farmi andare in riabilitazione, ma io ho detto 'No, no, no'". Ecco, nel 2013, i cantanti sono stati le banche centrali più importanti del mondo, con la Federal Reserve in testa.

In estate, sia la Fed che la Banca popolare cinese hanno palesato l'intenzione di normalizzare la politica monetaria. Il presidente della Fed Ben Bernanke ha parlato chiaramente di tapering, cioè di riduzione del programma di stimoli della Fed basato sull'acquisto illimitato di bond, noto anche come quantitative easing (QE). Il governatore della Bpc Zhou Xiaochuan ha cercato di frenare la crescita galoppante del credito del suo paese, ma quando i mercati di entrambe le nazioni hanno reagito più violentemente del previsto – con un'impennata dei rendimenti obbligazionari negli Stati Uniti e tassi interbancari alle stelle in Cina – le autorità monetarie hanno fatto marcia indietro.

Si tratta di un problema che molti cantanti pop hanno avuto: dopo anni di stimoli, andare in riabilitazione non è esattamente facile.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/bMGpuEn/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.