Micro, Macro, Meso e Meta Economia

HONG KONG – Considerata la crisi che attanaglia l’economia mondiale e i mercati finanziari, non sorprende che sia in atto una sostanziale riconsiderazione dei principi dell’economia moderna. Le voci dissenti della categoria, sembra, stanno definitivamente raggiungendo un pubblico più vasto.

Il Premio Nobel Ronald H. Coase, ad esempio, si è lamentato del fatto che la microeconomia sia piena di modelli black box che non riescono a studiare le attuali relazioni contrattuali tra aziende e mercati. Ha evidenziato che quando i costi di transazione sono bassi e i diritti di proprietà ben definiti, i contratti privati innovativi potrebbero risolvere i problemi delle azioni collettive come l’inquinamento; ma i policy maker si affidano soprattutto a strumenti fiscali, a causa dell’ossessione degli economisti per la teoria semplicistica dei prezzi.

Un altro Premio Nobel, Paul Krugman, ha affermato che la macroeconomia negli ultimi tre decenni è stata inutile alla meglio e dannosa alla peggio. Sostiene che gli economisti sono diventati ciechi di fronte al macro fallimento catastrofico perché hanno scambiato per vero la bellezza o l’eleganza dei modelli teorici.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/YOC2dyH/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.