6342440446f86f380e1b0e27_ms5436.jpg Margaret Scott

La sorprendente capacità di ripresa della Nuova Europa

KIEV – Due anni fa, cinque dei dieci nuovi membri dell’Unione europea appartenenti all’Est europeo – i tre stati baltici, Ungheria e Romania – sembravano devastati dalla crisi finanziaria globale. Dilagavano malcontento sociale, enormi svalutazioni e proteste populiste.

Poi tutto si è sistemato. Oggi, tutti questi paesi stanno tornando alla stabilità finanziaria e alla crescita economica senza particolari sconvolgimenti. Oltretutto, nessun paese ha modificato il proprio sistema di cambio. La Vecchia Europa dovrebbe imparare qualcosa da questo notevole successo della Nuova Europa.

A causare la crisi finanziaria dell’Est europeo è stato un classico ciclo creditizio di tipo “boom/bust”. I paesi dell’Est europeo hanno attirato ampi flussi di capitali internazionali, grazie alla blanda politica monetaria globale e alle condizioni accomodanti dell’attività imprenditoriale. Alla fine, i prestiti bancari a breve termine, divenuti eccessivi, furono impiegati per finanziare investimenti immobiliari a dismisura e folli consumi, mentre l’inflazione prendeva piede.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

or

Register for FREE to access two premium articles per month.

Register

https://prosyn.org/FuqMIwhit