X-ray scan Getty Images

La soluzione trascurata alla crisi della TBC

BOSTON/GINEVRA – In un’era di rapida innovazione tecnologica, è vergognoso che circa due milioni di persone debbano morire quest’anno a causa della tubercolosi perché sono troppo poveri per permettersi le cure. Di certo, il motivo principale per cui la tubercolosi continua a mietere vittime è semplice: è l’indifferenza.

Quest’indifferenza proviene dall’illusione letale che la tubercolosi sia una malattia del passato; un’illusione che continua ad essere diffusa sebbene 10,4 milioni di persone abbiano contratto la malattia nel 2016. In effetti, i pazienti affetti da tubercolosi non sono generalmente in grado di attirare l’attenzione globale e, sebbene la malattia possa colpire chiunque, affligge in modo sproporzionato le popolazioni emarginate e vulnerabili in luoghi come i campi rifugiati, le baraccopoli e le prigioni.

Un’altra illusione è che ci siano diverse cure per contrastare la tubercolosi nonostante il suo continuo mutamento. Ma la tubercolosi multiresistente ai medicinali rappresenta una minaccia seria. A volte viene definita come “ebola con le ali”. Ma se da un lato i due patogeni hanno un tasso di mortalità simile, dall’altro la tubercolosi multiresistente ai medicinali è trasmessa per via aerea e si diffonde molto più facilmente. Le cure esistenti contro questo tipo di tubercolosi comprendono un regime di medicinali tossici (alcuni dei quali richiedono dolorose iniezioni quotidiane) che possono durare fino a due anni.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

Help make our reporting on global health and development issues stronger by answering a short survey.

Take Survey

http://prosyn.org/exCCE40/it;

Handpicked to read next

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.