Man studying the Quran

La ricostruzione della Casa della Sapienza nel mondo musulmano

GUILDFORD – I governi musulmani sanno bene che la crescita economica, il potere militare e la sicurezza nazionale traggono enormi vantaggi dal progresso tecnologico. Negli ultimi anni molti di loro hanno infatti aumentato in modo significativo i fondi per la scienza e l’istruzione. Tuttavia, secondo il giudizio di molti in particolar modo in occidente, il mondo musulmano sembra comunque voler rimanere distaccato dalla scienza moderna.

Questo scetticismo non è del tutto sbagliato. I paesi a maggioranza musulmana spendonoin media meno dello 0,5% del loro PIL sulla ricerca e lo sviluppo, mentre i paesi avanzati investono cinque volte tanto. Inoltre, hanno meno di dieci scienziati, ingegneri e tecnici per mille abitanti rispetto alla media dei 40 (e 140 nei paesi avanzati). Ma anche queste cifre tendono a sottovalutare il problema che riguarda non tanto lo stanziamento dei fondi o l’impiego di ricercatori, ma più che altro la qualità di base della scienza che viene prodotta.

Di certo, non bisogna essere troppo affrettati nel criticare i paesi musulmani in questo senso. Anche nell’occidente “illuminato” una gran parte della popolazione guarda infatti alla scienza con sospetto o paura. Ciò nonostante, in molte parti del mondo musulmano la scienza si trova ad affrontare una sfida unica, ovvero viene vista come un prodotto laico dell’occidente, se non addirittura ateo.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/kt5fCrT/it;