Il clima della gente

BERLINO – La marcia della gente per il clima che si è svolta lo scorso 21 settembre è stata uno spartiacque per il nuovo emergente movimento globale per il clima riuscendo a riversare più di 400.000 persone sulle strade di New York. Ma New York ha rappresentato solo la punta dell’iceberg. In 166 paesi, dall’Argentina all’Australia, un enorme numero di persone ha partecipato a più di 2.800 eventi e manifestazioni. Due milioni di attivisti hanno chiesto ai governi, tramite una petizione online, di passare ad una politica in grado di garantire il 100% di energia pulita. Per la prima volta dalla deludente Conferenza sul cambiamento climatico di Copenhagen del 2009, l’attivismo virtuale a favore del clima è sbarcato nel mondo reale. Ma perchè?

I cittadini di numerosi paesi hanno iniizato a dimostrare grande preoccupazione per l’impatto del cambiamento climatico e sono ormai coscienti del fatto che i carburanti fossili costituiscono un problema. Hanno capito che gli interessi dei potenti stanno ostacolando il passaggio necessario verso una politica di energia pulita e non si fidano più del fatto che i governi stiano facendo abbastanza per difendere il futuro del pianeta. Quest’atteggiamento si è visto non solo nel numero record di persone che hanno partecipato alla marcia, ma anche nella diversità tra coloro che hanno marciato, tra cui attivisti urbani, gruppi indigeni, rappresentanti di fedi e di fazioni politiche diverse e, in particolare, vecchi e giovani.

Oggi le persone fanno un collegamento spontaneo tra il cambiamento climatico e la vita quotidiana. Gli insegnanti hanno infatti partecipato alla marcia per chiedere l’uso dell’energia rinnovabile nelle scuole, le donne hanno marciato a sostegno di un’agricoltura più sana, le nonne chiedevano aria pulita per i loro nipoti, i sindacati una transizione verso lavori verdi ed i sindaci più investimenti negli edifici ad efficienza energetica.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/r6NuQDG/it;
  1. An employee works at a chemical fiber weaving company VCG/Getty Images

    China in the Lead?

    For four decades, China has achieved unprecedented economic growth under a centralized, authoritarian political system, far outpacing growth in the Western liberal democracies. So, is Chinese President Xi Jinping right to double down on authoritarianism, and is the “China model” truly a viable rival to Western-style democratic capitalism?

  2. The assembly line at Ford Bill Pugliano/Getty Images

    Whither the Multilateral Trading System?

    The global economy today is dominated by three major players – China, the EU, and the US – with roughly equal trading volumes and limited incentive to fight for the rules-based global trading system. With cooperation unlikely, the world should prepare itself for the erosion of the World Trade Organization.

  3. Donald Trump Saul Loeb/Getty Images

    The Globalization of Our Discontent

    Globalization, which was supposed to benefit developed and developing countries alike, is now reviled almost everywhere, as the political backlash in Europe and the US has shown. The challenge is to minimize the risk that the backlash will intensify, and that starts by understanding – and avoiding – past mistakes.

  4. A general view of the Corn Market in the City of Manchester Christopher Furlong/Getty Images

    A Better British Story

    Despite all of the doom and gloom over the United Kingdom's impending withdrawal from the European Union, key manufacturing indicators are at their highest levels in four years, and the mood for investment may be improving. While parts of the UK are certainly weakening economically, others may finally be overcoming longstanding challenges.

  5. UK supermarket Waring Abbott/Getty Images

    The UK’s Multilateral Trade Future

    With Brexit looming, the UK has no choice but to redesign its future trading relationships. As a major producer of sophisticated components, its long-term trade strategy should focus on gaining deep and unfettered access to integrated cross-border supply chains – and that means adopting a multilateral approach.

  6. The Year Ahead 2018

    The world’s leading thinkers and policymakers examine what’s come apart in the past year, and anticipate what will define the year ahead.

    Order now