people shopping Peter Macdiarmid | getty images

Affrontare l’Incubo Fiscale

BERKELEY – L’economia mondiale sta chiaramente andando a fondo e i politici, coloro cioè che dovrebbero assisterla, si “avvitano” su loro stessi. Almeno così suggeriscono i risultati del vertice dei G-20 tenutosi a Shanghai alla fine del mese scorso.

Il Fondo Monetario Internazionale, che aveva da poco ridimensionato le sue previsioni relative alla crescita globale, ha informato i convenuti del G-20 che già incombeva un ulteriore downgrade. Nonostante questo, tutto ciò che è emerso dal meeting è stata una dichiarazione anodina riguardo il proseguimento delle riforme strutturali e la necessità di evitare politiche egoistiche a scapito di altri.

Ancora una volta, la politica monetaria è rimasta – come suol dirsi oggi – l’unica “partita” possibile. Le banche centrali hanno mantenuto i tassi di interesse bassi per la maggior parte degli  ultimi otto anni. Hanno sperimentato interventi di quantitative easing. Nella loro ultima “acrobazia”, hanno spostato i tassi di interesse reali in territorio negativo.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/1mDVL5p/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.