La battaglia intellettuale contro l’Isis

DUBAI – La crisi finanziaria globale ha insegnato al mondo quanto le nostre economie siano diventate profondamente interdipendenti. Nell’odierna crisi dell’estremismo, dobbiamo riconoscere che siamo interdipendenti per la nostra sicurezza, come è evidente nell’attuale lotta per sconfiggere l’Isis.

Se vogliamo evitare che l’Isis ci dia una dura lezione, dobbiamo riconoscere che non possiamo estinguere i fuochi del fanatismo solo con la forza. Il mondo deve unirsi dietro una guida organica per screditare l’ideologia che dà questo potere agli estremisti, e rilanciare speranza e dignità a coloro che intendono essere reclutati.

L’Isis certamente può essere sconfitta – e sarà sconfitta – militarmente dalla coalizione internazionale che si sta ora raggruppato e che l’UAE sta sostenendo attivamente. Ma il contenimento militare è solo una soluzione parziale. Per una pace duratura servono altri tre ingredienti: la vittoria della battaglia delle idee; una governance migliore e il sostegno al processo di democratizzazione.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/XSwBNwF/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.