La sorpresa della Federal Reserve e la sfida di Yellen

NEWPORT BEACH – Con la decisione del 18 settembre di non “ridurre” gli acquisti mensili dei titoli a lungo termine, la Federal Reserve ha dato il via, ormai da un mese, a un quesito globale. Non capita spesso che la Fed sorprenda i mercati, in particolar modo sotto la presidenza di Ben Bernanke che ha dedicato tempo e sforzi a migliorare la comunicazione, a creare maggior trasparenza e a gestire le aspettative con la tempistica adeguata. Ora che il Presidente Barack Obama ha nominato la Vice Presidente Janet L. Yellen alla presidenza a partire da gennaio del prossimo anno, c’è ancor più interesse nei confronti delle prospettive della banca centrale più importante a livello mondiale.

In realtà, nelle settimane che hanno preceduto l’incontro di settembre sulla politica della banca, i funzionari della Fed non hanno fatto un gran lavoro nel gestire le aspettative. Dato che hanno poi avuto diverse difficoltà nel cambiare la direzione stabilita in seguito all’incontro, l’interesse a capire cosa ha portato la Fed ad agire in un modo che non le si confà è diventato ancor più grande. Ciò nonostante, la vera questione è che il cambiamento dell’ultimo minuto non modifica sostanzialmente la sfida principale che l’altamente qualificata Yellen si troverà ad affrontare, ovvero delle basi economiche ostinatamente deboli e i dubbi rispetto all’efficacia degli strumenti della politica della Fed.

Sono stati spesso suggeriti cinque argomenti principali a giustificazione della decisione della Fed di posporre la riduzione dell’acquisto dei titoli a lungo termine. Secondo una prima ipotesi, la Fed avrebbe riconosciuto che la specificità delle soglie della sua politica (basata sul tasso di disoccupazione) tendeva a sottostimare la vulnerabilità del mercato del lavoro statunitense. Secondo un altro punto di vista, i funzionari si sarebbero invece preoccupati eccessivamente delle restrizioni finanziarie a seguito dell’annuncio di Bernanke a maggio di una possibile riduzione dell’acquisto dei titoli a lungo termine, con il timore di eventuali rischi per la ripresa graduale dell’economia.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

or

Register for FREE to access two premium articles per month.

Register

https://prosyn.org/6OQeJenit