Le opzioni dell'Europa

STANFORD – Molti europei sono ormai convinti di essersi lasciati la tempesta economica e finanziaria alle spalle. Negli ultimi due anni, d'altronde, deficit e debito si sono stabilizzati, gli interessi sul debito sovrano delle economie più deboli della periferia dell'eurozona sono calati drasticamente, il Portogallo e l'Irlanda hanno terminato i rispettivi programmi di salvataggio e l'ipotesi che la Grecia uscisse dall'euro è rientrata.

Tutto questo è vero, ma c'è un grosso problema: la crescita economica dell'Unione europea resta anemica. Il Pil dell'Olanda e dell'Italia è diminuito nell'ultimo trimestre, mentre quello francese si è mosso appena. Gli esperti stanno rivedendo al ribasso le stime di crescita dell'eurozona per il 2014 fino all'1% annuo. Il tasso di disoccupazione nell'eurozona è all'11,6%, un dato impressionante, mentre negli Stati Uniti si è attestato al 10%, il livello peggiore raggiunto durante la grande recessione americana. In Grecia e Spagna, invece, esso supera il 25%, con punte ancora più alte tra la popolazione giovanile.

Tre problemi – debito sovrano, euro e instabilità bancaria – ostacolano l'economia europea nonostante le numerose misure di sicurezza varate di recente, tra cui il Meccanismo europeo di stabilità (MES), la politica del denaro facile e le partecipazioni del debito sovrano della Banca centrale europea e il subentro della Bce nella supervisione delle circa 130 maggiori banche paneuropee, avvenuto a novembre. Nessuna di queste riforme si è dimostrata sufficiente per ripristinare quella crescita forte di cui l'Europa ha un disperato bisogno.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/ftKMFyY/it;