I “crimini” della politica

STANFORD – Quando, nel novembre di venticinque anni fa, il Muro di Berlino cadde, i politologi, primo fra tutti Francis Fukuyama, proclamarono la fine della storia ed il trionfo del capitalismo democratico su tutti gli altri sistemi rivali. Il successo economico dell’America ed il crollo del comunismo hanno fatto il resto della storia. Il lungo confronto politico, intellettuale e, a volte, militare che abbiamo conosciuto come la Guerra Fredda giunse così al termine.

Ad un incontro a Varsavia nell’inverno del 1990, il Generale Wojciech Jaruzelski, Presidente della Polonia e leader del partito comunista, dichiarò di fronte a me ed ai miei colleghi di governo che “le forze della storia ci avevano inevitabilmente condotto al capitalismo.” Non era riuscito a liberarsi della dialettica hegeliana, ma aveva comunque ammesso che il comunismo non aveva colto la prospettiva storica giusta.

Vent’anni dopo, diverse forme di capitalismo hanno fatto miracoli per alcuni paesi ex socialisti e comunisti. La Polonia è un ottimo esempio di una transizione politica ed economica avvenuta con successo.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/wg5cieX/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.