Germany's Chancellor Angela Merkel and President of the United States of America Donald Trump Leon Neal/Getty Images

Perché i mercati e gli scienziati politici non sono d’accordo sul G7

WASHINGTON, DC – Dire che il vertice di questo mese dei leader del G7 in Canada è stato insolito sarebbe un eufemismo. Un raduno solitamente amichevole e prevedibile di paesi che la pensano allo stesso modo è stato segnato da accuse e disaccordi, con la conseguente incapacità di raggiungere un consenso su una dichiarazione finale. Ma, mentre gli analisti politici si affrettarono a dichiarare la fine della coerenza, dell'integrità e dell'utilità del G7, i mercati rimasero impassibili. In effetti, i risultati a lungo termine potrebbero dimostrare che i mercati avevano ragione, anche se con alcune importanti restrizioni.

I partecipanti al vertice del G7 si sono scontrati su questioni come i cambiamenti climatici e la possibilità di riammettere la Russia. Ma la discordia ampiamente pubblicizzata era alimentata principalmente dai disaccordi sugli effetti del commercio tra i membri. Tali disaccordi - amplificati da persistenti differenze su questioni basilari - hanno impedito il progresso in altre aree dove sarebbe stato possibile un maggiore consenso, tra cui l'Iran, alcune altre questioni in Medio Oriente, Corea del Nord, migrazione e aiuti ai rifugiati.

I rappresentanti degli Stati Uniti hanno accusato gli altri membri del G7 di "pratiche commerciali scorrette", che affermano di aver danneggiato in modo sproporzionato l'economia e i suoi lavoratori. Il resto del G7 - tutti i tradizionali alleati degli Stati Uniti - ha messo a confronto il presidente Donald Trump con i dati che speravano avrebbero dimostrato che il commercio era stato di grande beneficio per tutti i paesi.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

http://prosyn.org/cokvpgR/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.