I test dell’eurozona sulla Polonia

VARSAVIA – Ai nuovi stati membri dell’Unione europea dell’Europa centrale ed orientale è richiesto di aderire all’euro come parte dell’accordo di annessione. Ma la decisione relativa a quando adottare l’euro è oggetto di un acceso dibattito.

In gioco non c’è solo un calcolo economico, ma anche una valutazione sulla prospettiva della moneta unica. Per molti, i benefici di adesione all’euro sono diminuiti dopo la crisi finanziaria e i futuri membri, come la Polonia, possono trarne il massimo beneficio solo se chiariscono bene le condizioni economiche che devono prevalere nei loro paesi.

I criteri formali di adesione sono contenuti nel Trattato di Maastricht del 1992 che definisce i target sul debito pubblico, sul deficit, sull’inflazione, sui tassi di interesse e sul tasso di cambio. Ma è stato dimostrato che il soddisfare questi parametri (o peggio, l’andarci vicino) in qualsiasi fase del processo di adesione è un fondamento inadeguato per l’adozione dell’euro. Infatti, la malleabilità dei criteri di Maastricht ha causato molti problemi all’eurozona, pertanto, finché i debiti dell’eurozona continuano ad aumentare e le economie degli stati membri a differenziarsi invece di convergere, si dovrebbero fare degli stress-test anche sui membri futuri per vedere se sono in grado di sopportare gli shock esterni e di sostenere i criteri di adesione nel lungo termine.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/oMDuV0L/it;