Affrancarsi dalla povertà grazie al commercio

WASHINGTON, DC – Uno dei capisaldi teorici del commercio internazionale è il principio secondo cui, nel lungo periodo, l'incremento degli scambi commerciali corrisponde a un'accelerazione della crescita del Pil. Tuttavia, la sfida che l'organizzazione per cui lavoro, la Banca mondiale, sta cercando di vincere è quella di garantire che la crescita basata sul commercio migliori la vita dei poveri in tutto il mondo. Per questo motivo, i presidenti di sette istituzioni multilaterali, tra cui la Banca mondiale, hanno dato pieno sostegno all'accordo sulla liberalizzazione degli scambi commerciali, siglato all'inizio di questo mese a Bali, in occasione della conferenza ministeriale dell'Organizzazione mondiale del commercio.

Certamente, l'incidenza della povertà nel mondo ha toccato un minimo storico, registrando nel 2010 un calo del tasso di povertà estrema (la quota di popolazione che vive con meno di 1,25 dollari al giorno, in termini di parità del potere d'acquisto) di oltre la metà rispetto al 1990. Resta ancora, però, più di un miliardo di persone che vivono in condizioni di estrema povertà. Inoltre, il progresso non è stato uniforme, con un decremento dei tassi di povertà molto più significativo in Asia orientale e in America Latina che nell'Africa sub-sahariana.

Per far fronte a un contesto globale in continuo mutamento, la Banca mondiale ha introdotto un nuovo obiettivo teso a focalizzare meglio gli interventi per ridurre la povertà: promuovere una prosperità sostenibile e condivisa attraverso il monitoraggio della crescita del reddito del 40% più povero della popolazione di ciascun paese. In altri termini, stiamo rivedendo la nostra definizione di successo in materia di sviluppo e la modalità con cui offriamo supporto commerciale ai paesi interessati.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/UVfTmpk/it;
  1. China corruption Isaac Lawrence/Getty Images

    The Next Battle in China’s War on Corruption

    • Chinese President Xi Jinping knows well the threat that corruption poses to the authority of the Communist Party of China and the state it controls. 
    • But moving beyond Xi's anti-corruption purge to build robust and lasting anti-graft institutions will not be easy, owing to enduring opportunities for bureaucratic capture.
  2. Italy unemployed demonstration SalvatoreEsposito/Barcroftimages / Barcroft Media via Getty Images

    Putting Europe’s Long-Term Unemployed Back to Work

    Across the European Union, millions of people who are willing and able to work have been unemployed for a year or longer, at great cost to social cohesion and political stability. If the EU is serious about stopping the rise of populism, it will need to do more to ensure that labor markets are working for everyone.

  3. Latin America market Federico Parra/Getty Images

    A Belt and Road for the Americas?

    In a time of global uncertainty, a vision of “made in the Americas” prosperity provides a unifying agenda for the continent. If implemented, the US could reassert its historical leadership among a group of countries that share its fundamental values, as well as an interest in inclusive economic growth and rising living standards.

  4. Startup office Mladlen Antonov/Getty Images

    How Best to Promote Research and Development

    Clearly, there is something appealing about a start-up-based innovation strategy: it feels democratic, accessible, and so California. But it is definitely not the only way to boost research and development, or even the main way, and it is certainly not the way most major innovations in the US came about during the twentieth century.

  5. Trump Trade speech Bill Pugliano/Getty Images .

    Preparing for the Trump Trade Wars

    In the first 11 months of his presidency, Donald Trump has failed to back up his words – or tweets – with action on a variety of fronts. But the rest of the world's governments, and particularly those in Asia and Europe, would be mistaken to assume that he won't follow through on his promised "America First" trade agenda.