Macron and Germany Michele Tantussi/Stringer

Macron può farcela?

CAMBRIDGE – La vittoria di Emmanuel Macron su Marine Le Pen è stata la buona notizia tanto attesa da chiunque prediliga le società aperte e liberali rispetto a quelle nativiste e xenofobe. Ma la battaglia contro il populismo di destra è lungi dall’essere vinta.    

Le Pen ha ottenuto più di un terzo dei voti al secondo turno, pur avendo ricevuto l’appoggio di un solo altro partito, peraltro piccolo – Debout la France di Nicolas Dupont-Aignan – oltre al proprio. Inoltre, l’affluenza alle urne è stata nettamente inferiore rispetto alle precedenti elezioni presidenziali, il che indica che molti elettori si sentono delusi. Se Macron fallirà il suo compito nei prossimi cinque anni, Le Pen tornerà sulla scena più baldanzosa che mai, e i populisti nativisti si rafforzeranno sia in Europa che altrove.

Come candidato, Macron è stato aiutato, in quest’epoca di politica anti-establishment, dall’aver mantenuto le distanze dai partiti politici tradizionali. Come presidente, però, questo stesso fatto rappresenta uno svantaggio. Il suo movimento politico, En Marche!, ha soltanto un anno di vita. Macron, pertanto, dovrà costruire una maggioranza legislativa partendo da zero dopo le elezioni dell’Assemblea Nazionale che si terranno il mese prossimo.    

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/sxKBDIG/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.