eichengreen154_Mark HarringtonNewsday RM via Getty Images_offshorewindfarm Mark Harrington/Newsday RM via Getty Images

La Logica delle Azioni Efficaci per il Clima

BERKELEY – Nel suo testo classico, The Logic of Collective Action, il grande Mancur Olson ha spiegato che le politiche più difficili da attuare sono quelle con benefici diffusi e costi concentrati. L’argomentazione di Olson era semplice: gli individui che devono farsi carico dei costi di una politica le si opporranno con forza, mentre i beneficiari ne trarranno vantaggio senza sforzo, preferendo che qualcun altro si batta per questo.

L’intuizione di Olson può applicarsi alla sfida politica più urgente che l’umanità deve affrontare oggi, vale a dire il cambiamento climatico. Il punto di partenza per affrontarlo, concordano gli economisti, è una tassa sul carbonio. La conseguente riduzione delle emissioni offrirebbe vantaggi praticamente a tutti sul pianeta. Ma segmenti specifici della società – gli interessi concentrati di Olson – dovranno sostenere una quota sproporzionata dei costi e si mobiliteranno in opposizione.

Un esempio calzante sono i gilets jaunes (“gilet gialli”) francesi. Come ogni movimento di massa, i gilets jaunes avevano molteplici rivendicazioni. Ma la loro protesta più accesa riguardava un aumento della tassa sul carburante imposto in nome della lotta al cambiamento climatico. I residenti delle zone rurali dipendono maggiormente da auto, camion e trattori rispetto agli abitanti delle città, che possono andare al lavoro in bicicletta o metropolitana. L’aumento delle tasse li ha colpiti dove fa più male, nel portafoglio.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

or

Register for FREE to access two premium articles per month.

Register

https://prosyn.org/xYZP3lPit