Compiacersi in un mondo senza leader

DAVOS – Il meeting del World Economic Forum che si tiene ogni anno a Davos ha perso parte del suo stile pre-crisi. Dopo tutto, prima del tracollo del 2008, i capitani della finanza e dell’industria potevano proclamare le virtù della globalizzazione, della tecnologia e della liberalizzazione finanziaria, che presumibilmente annunciavano una nuova era di crescita inesorabile. I benefici sarebbero condivisi da tutti, se solo facessero “la cosa giusta”.

Quei giorni sono passati. Ma Davos resta un buon luogo per avere un’idea dello zeitgeist globale.

È inutile dire che i Paesi in via di sviluppo e i mercati emergenti non guardano più ai Paesi avanzati come un tempo. Ma un commento fatto da un dirigente di un’impresa mineraria proveniente da un Paese in via di sviluppo ha colto in pieno lo spirito del cambiamento. In risposta alla profonda disperazione di un esperto sviluppatore per cui gli iniqui trattati commerciali e le mancate promesse di aiuto sono costati ai Paesi sviluppati l’autorità morale, ha affermato: “L’Occidente non ha mai avuto autorità morale”. Il colonialismo, la schiavitù, la frammentazione dell’Africa in piccoli Paesi e una lunga storia di sfruttamento delle risorse potrebbero essere questioni del lontano passato per i colpevoli, ma non per coloro che hanno patito di conseguenza.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/y6DLk03/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.