Paul Lachine

Il fallimento della finanza del libero mercato

LONDRA – Cinque anni dopo il crollo della banca d'investimento statunitense Lehman Brothers, il mondo deve ancora affrontare ciò che allora determinò la susseguente crisi finanziaria, vale a dire un eccesso di debito. Questo spiega perché la ripresa economica è stata molto più lenta rispetto alle attese, e in alcuni Paesi non è ancora neppure iniziata.

Economisti, banchieri centrali e supervisori non solo non sono riusciti a prevedere la crisi, ma hanno anche creduto che la stabilità finanziaria sarebbe stata garantita fintanto che l'inflazione fosse rimasta a livelli bassi e stabile. Poi, una volta arginata la crisi immediata, nessuno di noi è stato capace di anticipare quanto sarebbero stati pesanti i suoi strascichi.

Nella primavera del 2009, i pronostici ufficiali non parlavano né di un recupero lento né del fatto che la crisi, essenzialmente limitata agli Stati Uniti e al Regno Unito, avrebbe presto contaminato l’eurozona. D’altro canto, le forze di mercato non immaginavano neppure lontanamente che i tassi di interesse sarebbero rimasti in prossimità dello zero per cinque anni (e oltre).

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/cYojNU1/it;