Beruit Skyline Anwar Amro/Getty Images

Può il Libano sfuggire alla maledizione delle risorse?

BEIRUT – Dopo due anni e mezzo senza un presidente, il parlamento libanese ha affidato l’incarico a Michel Aoun.  D’ora in poi, il Libano potrà quindi concentrarsi sulla produzione di petrolio e gas, un’attività verso cui i politici nutrono grandi speranze, che rasentano un entusiasmo irrazionale. A loro avviso, infatti, lo sfruttamento di queste risorse porterà guadagni tali da rimettere in moto l’economia del paese, assai provata da una cattiva governance sia politica che economica, e dagli effetti di ricaduta della guerra civile siriana.   

La potenziale ricchezza derivante dagli idrocarburi potrebbe, in effetti, trasformare il paese e fungere da modello per altri produttori di energia del Medio Oriente. Al momento di avventurarsi nell’impresa, però, i politici dovranno tenere conto di quattro rischi importanti. Innanzitutto, i prezzi del petrolio e del gas sono volatili, e in generale il futuro dei combustibili fossili è segnato dall’incertezza. Dal giugno 2014 i prezzi del petrolio e del gas sono diminuiti di circa il 60%, e difficilmente recupereranno terreno nel medio periodo. Stiamo vivendo una “nuova normalità” del petrolio, definita dall’abbondanza di fonti energetiche alternative. 

In secondo luogo, l’entità delle riserve energetiche del Libano è incerta e, pur sforzandosi di essere ottimisti, incerta è anche la capacità del paese di gestire i processi di estrazione, produzione e distribuzione di petrolio e gas. 

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/sfggQ1X/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.