Gli alti e bassi valutari dell’America Latina

BUENOS AIRES – Sin dalla Seconda Guerra Mondiale, i paesi dell’America Latina sono una specie di laboratorio per lo studio delle valute. Sono infiniti i regimi di cambio sperimentati nella regione  – qualcuno riuscito, qualcun altro fallito miseramente.

In tutti i casi, tuttavia, le politiche sul tasso di cambio hanno rivestito un ruolo centrale nel determinare i generali risultati macroeconomici di questi paesi. E oggi, dopo due decenni di turbolenze, sembrano convergere verso un sistema più unificato e sostenibile.

Gli anni ’80 sono stati un decennio sconvolgente per la maggior parte dei paesi sudamericani. L’azione combinata di un secondo shock petrolifero, degli elevati tassi di interesse internazionali e della mancanza di investimenti esteri fu la causa dei notevoli squilibri interni ed esterni e degli elevati livelli di debito estero. In tutti i maggiori paesi, si andò quindi verso un default, verso continui aggiustamenti nei tassi di cambio, e per la fine del decennio, verso una severa spirale di inflazione/svalutazione, che in certi casi, è sconfinata nell’iperinflazione.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/B4ZduT6/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.