Skip to main content

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated Cookie policy, Privacy policy and Terms & Conditions

elerian117_ALBERTO PIZZOLIAFPGetty Images_draghi lagarde Alberto Pizzoli/AFP/Getty Images

Lagarde come opportunità per l’Europa

LONDRA – Un dottore molto stimato prende in cura un paziente con una malattia cronica che sta diventando più debole e più vulnerabile. I continui trattamenti non stanno solamente diventando meno efficaci; ora presentano anche dannosi effetti collaterali. Un approccio migliore ci sarebbe, ma non è disponibile presso l’ospedale del nuovo dottore. E nelle strutture in cui è disponibile, i dottori sono troppo distratti per occuparsene.

Il nuovo dottore è Christine Lagarde, il tanto ammirato direttore generale del Fondo monetario internazionale che presto succederà a Mario Draghi in veste di presidente della Banca centrale europea (Bce). La sua sfida sarà quella di evitare per l’Eurozona un secondo decennio perduto di crescita bassa e insufficientemente inclusiva. Come il paziente passerà alle sue cure – e se riuscirà a convincere i principali governi dell’Eurozona a fornire il trattamento necessario – definirà non solo la sua eredità, ma anche quella di Draghi.

Non vi è dubbio che l’economia europea stia perdendo slancio. La preventiva e super-ottimistica prognosi di rialzo sostenuto della crescita alla fine ha dato vita alla cruda realtà che i venti contrari strutturali e ciclici stanno gravando sull’attività economica. Le precedenti previsioni di crescita di circa 2% per il 2019 stanno ora convergendo all’1%; potrebbero persino scendere ancora più in basso.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

https://prosyn.org/WiQtpi3it;