Skip to main content

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated Cookie policy, Privacy policy and Terms & Conditions

elerian117_ALBERTO PIZZOLIAFPGetty Images_draghi lagarde Alberto Pizzoli/AFP/Getty Images

Lagarde come opportunità per l’Europa

LONDRA – Un dottore molto stimato prende in cura un paziente con una malattia cronica che sta diventando più debole e più vulnerabile. I continui trattamenti non stanno solamente diventando meno efficaci; ora presentano anche dannosi effetti collaterali. Un approccio migliore ci sarebbe, ma non è disponibile presso l’ospedale del nuovo dottore. E nelle strutture in cui è disponibile, i dottori sono troppo distratti per occuparsene.

Il nuovo dottore è Christine Lagarde, il tanto ammirato direttore generale del Fondo monetario internazionale che presto succederà a Mario Draghi in veste di presidente della Banca centrale europea (Bce). La sua sfida sarà quella di evitare per l’Eurozona un secondo decennio perduto di crescita bassa e insufficientemente inclusiva. Come il paziente passerà alle sue cure – e se riuscirà a convincere i principali governi dell’Eurozona a fornire il trattamento necessario – definirà non solo la sua eredità, ma anche quella di Draghi.

Non vi è dubbio che l’economia europea stia perdendo slancio. La preventiva e super-ottimistica prognosi di rialzo sostenuto della crescita alla fine ha dato vita alla cruda realtà che i venti contrari strutturali e ciclici stanno gravando sull’attività economica. Le precedenti previsioni di crescita di circa 2% per il 2019 stanno ora convergendo all’1%; potrebbero persino scendere ancora più in basso.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

https://prosyn.org/WiQtpi3it;
  1. solana114_FADEL SENNAAFP via Getty Images_libyaprotestflag Fadel Senna/AFP via Getty Images

    Relieving Libya’s Agony

    Javier Solana

    The credibility of all external actors in the Libyan conflict is now at stake. The main domestic players will lower their maximalist pretensions only when their foreign supporters do the same, ending hypocrisy once and for all and making a sincere effort to find room for consensus.

    3

Edit Newsletter Preferences