Paul Krugman e la ripresa di Obama

NEW YORK – Da diversi anni, e anche più volte nello stesso mese, l’economista, premio Nobel, giornalista del New York Times e blogger Paul Krugman ha comunicato un unico messaggio ai suoi fedeli lettori: gli “austerians” (così definisce i paladini dell’austerità fiscale) si sbagliano. Il rigore fiscale lanciato in mezzo a una debole domanda privata provoca una disoccupazione cronicamente elevata. I tagli del deficit farebbero rivivere ciò che è accaduto nel 1937, quando Franklin D. Roosevelt ridusse prematuramente gli stimoli del New Deal rigettando così gli Stati Uniti nella recessione.

Dunque, il Congresso e la Casa Bianca hanno di fatto giocato la carta dell’austerità da metà del 2011 in avanti. Il deficit del budget federale è sceso dall’8,4% del Pil nel 2011 a un previsto 2,9% del Pil per tutto il 2014. E, secondo il Fondo monetario internazionale, il deficit strutturale (talvolta chiamato “deficit di piena occupazione”), un parametro degli stimoli fiscali, è sceso dal 7,8% di Pil potenziale al 4% di Pil potenziale dal 2011 al 2014.

Krugman ha rivendicato con vigore il fatto che la riduzione del deficit si sia prolungata e abbia persino intensificato ciò che ripetutamente definisce una “depressione” (o talvolta “depressione di basso grado”). Solo gli stolti come i leader del Regno Unito (che gli hanno ricordato i Tre Marmittoni) potrebbero credere diversamente.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/LYLG0rE/it;