15

L’altro Trump dell’occidente

BRUXELLES – Durante il secondo dibattito presidenziale americano, Donald Trump ha dichiarato che, se eletto, avrebbe nominato un procuratore speciale per indagare su Hillary Clinton. “Dovresti essere in prigione”, ha detto alla rivale. 

La minaccia di Trump di politicizzare il sistema giudiziario ha suscitato l’ondata di proteste che merita. Purtroppo, però, il suo cinismo non è appannaggio esclusivo degli Stati Uniti. L’attuale governo polacco, guidato dal partito Diritto e Giustizia (PiS) e insediatosi poco meno di un anno fa, ha mostrato una vena dispotica simile nello sfidare le convenzioni giuridiche per i propri scopi.  

Il leader del PiS, Jarosław Kaczyński, ha chiesto più volte l’apertura di un’inchiesta nei confronti dell’ex primo ministro polacco e attuale presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk. Kaczyński ritiene il governo che Tusk guidava all’epoca parzialmente responsabile del disastro aereo avvenuto nell’aprile del 2010 a Smolensk, in Russia, nel quale persero la vita 96 persone, tra cui Lech Kaczyński, suo fratello gemello e presidente della Polonia.    

La delegazione polacca si stava recando ad assistere a una commemorazione del massacro di Katyn avvenuto nel 1940, nel quale Stalin ordinò l’assassinio di 22.000 ufficiali dell’esercito, poliziotti e intellettuali, attribuendo poi a Hitler l’eccidio. Quando finì la guerra fredda, la verità sulla strage venne finalmente a galla e fu ufficialmente riconosciuta dal presidente russo Boris Yeltsin.