Le delusioni americane riecheggiano in Australia

NEW YORK – Nel bene o nel male, i dibattiti di politica economica negli Stati Uniti trovano spesso un’eco altrove, che siano rilevanti o meno. Il governo recentemente eletto del primo ministro australiano Tony Abbott ne è un esempio.

Come in molti altri Paesi, i governi conservatori sono a favore dei tagli nella spesa pubblica, perché i deficit fiscali mettono a rischio il loro futuro. Nel caso dell’Australia, però, tali affermazioni sono solo parole vuote – sebbene ciò non abbia fermato il governo di Abbott dall’usarle.

Pur accettando la dichiarazione degli economisti di Harvard Carmen Reinhart e Kenneth Rogoff secondo cui livelli di debito molto elevati implicano una crescita più bassa – una visione che non hanno mai realmente consolidato e che è stata successivamente screditata – l’Australia è ben lontana da quella soglia. Il suo rapporto debito/Pil è solo una frazione di quello americano, nonché uno dei più bassi tra i Paesi Ocse.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/I84mC2E/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.