Un programma per salvare l’Euro

NEW YORK – Sono passati tre anni dallo scoppio della crisi dell’euro, e solo un ottimista incallito direbbe che il peggio è definitivamente passato. Alcuni, notando la fine della recessione double-dip dell’Eurozona, sono giunti alla conclusione che la medicina dell’austerità abbia funzionato. Ma provate a dirlo a quelli che vivono nei Paesi che sono ancora in depressione, con un Pil pro capite ancora inferiore ai livelli pre-2008, tassi di disoccupazione superiori al 20% e una disoccupazione giovanile ben oltre il 50%. Con l’attuale ritmo di “ripresa”, non ci si può aspettare alcun ritorno alla normalità fino al prossimo decennio inoltrato.

Da un recente studio condotto dagli economisti della Federal Reserve si evince che la prolungata ed elevata disoccupazione dell’America avrà serie ripercussioni sulla crescita del Pil negli anni a venire. Se ciò vale negli Stati Uniti, dove la disoccupazione è il 40% in meno che in Europa, le prospettive per la crescita europea appaiono ancora più cupe.

Serve soprattutto una riforma strutturale dell’Eurozona, che al momento sembra necessitare di tali elementi:

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/sRNxgww/it;

Handpicked to read next

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.