I Profili dei Fautori di Pace

NEW YORK – Cinquant’anni fa, il presidente John F. Kennedy realizzò apparentemente l’impossibile. Al culmine della guerra fredda, riuscì a far muovere le due superpotenze nucleari, gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica, verso la pace. Le lezioni insite nell’azione di leadership di Kennedy - una delle più grandi dei tempi moderni - sono oggi direttamente rilevanti.

Racconto questa storia straordinaria in un nuovo libro, To Move the World. Per molti, la guerra tra le due superpotenze sembrava inevitabile. Nell’ottobre del 1962, la crisi missilistica cubana provocò un’atmosfera di paura e pessimismo in tutto il mondo, e certamente la convinzione che gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica non potevano essere riconciliati.

Kennedy aveva una comprensione migliore della situazione. Aveva capito che gran parte di quella pericolosa tensione derivava dagli estremisti delle due parti, che agivano come se la pace fosse impossibile. Il loro intervento su uno dei due fronti avrebbe provocato in risposta la linea dura del fronte opposto, alimentando una spirale di sfiducia e rafforzando gli estremismi in entrambi i campi.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/QQL9SYg/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.