Rispondere all'epidemia di Ebola

NEW YORK – La terribile epidemia di Ebola in almeno quattro paesi dell'Africa occidentale (Guinea, Liberia, Sierra Leone e Nigeria) richiede non soltanto un intervento d'urgenza per fermarne la propagazione, ma anche di rivedere alcuni presupposti essenziali della salute pubblica mondiale. Viviamo in un'epoca di malattie infettive emergenti e riemergenti, che possono diffondersi rapidamente attraverso le reti globali; abbiamo, quindi, bisogno di un sistema di controllo delle malattie commisurato a questa realtà. Per fortuna, un sistema del genere è raggiungibile attraverso investimenti sensati.

Quella di Ebola è l'ultima di una serie di epidemie recenti, che includono l'AIDS, la SARS, l'influenza H1N1, l'influenza H7N9 e altre patologie. L'AIDS è la più mortale tra queste malattie killer, con un bilancio di quasi 36 milioni di vittime dal 1981.

Naturalmente, epidemie ancora più vaste e improvvise sono possibili, basti pensare all'influenza scoppiata nel 1918 durante la prima guerra mondiale, che uccise tra i cinquanta e i cento milioni di persone (molte più di quante ne morirono per la guerra stessa). E sebbene avesse una propagazione limitata e il numero di vittime non superasse il migliaio, il focolaio di SARS sviluppatosi nel 2003 finì quasi per destabilizzare alcune economie dell'Asia orientale, tra cui quella cinese.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

http://prosyn.org/pu57sQU/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.