Il prezzo dell'indipendenza scozzese

NEW YORK – Anche se l'attenzione del mondo è ora rivolta al referendum sull'indipendenza della Scozia dal Regno Unito, quello scozzese non è certo l'unico tentativo di ridisegnare i confini nazionali. Movimenti per l'indipendenza sono presenti in molte parti del mondo, basti pensare che dal 1980 a oggi ben 39 nuovi Stati hanno aderito alle Nazioni Unite. Gli aspiranti all'indipendenza attendono dietro le quinte l'esito del voto scozzese, ed è probabile che una vittoria del sì contribuirebbe a rinsaldare le loro aspirazioni.

La campagna in favore dell'indipendenza scozzese si fonda su quattro rivendicazioni di natura, rispettivamente, culturale, ideologica, politica ed economica: proteggere e rafforzare l'identità del popolo scozzese; trasformare la Scozia in una democrazia sociale ispirata al modello scandinavo; avvicinare il governo democratico ai cittadini; rivendicare una quota maggiore di petrolio e gas del Mare del Nord.

I leader politici del Regno Unito e di molti governi europei stanno cercando di convincere gli scozzesi a votare contro l'indipendenza. L'indipendenza della Scozia, secondo i sostenitori del no, apporterebbe ben pochi, se non nessuno, dei benefici dichiarati, innescando, invece, una serie di disastri economici, che vanno dal panico finanziario alla fuga dei posti di lavoro e delle industrie dal paese. Inoltre, una Scozia indipendente rischierebbe di essere esclusa dall'Unione Europea e dalla NATO.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/yYLtRPB/it;