Wiktor Dabkowski/ZumaPress

Il rafforzamento del potere limitato dell’Europa

PARIGI – I risultati delle elezioni del Parlamento europeo lo scorso week end sono sorprendenti e allo stesso tempo scioccanti. Non esiste, infatti, alcuna teoria in grado di giustificare la varietà dei risultati a livello nazionale.

In Germania, dove le politiche dell’Unione europea sono state oggetto di forti controversie sin dal 2008, la campagna elettorale è stata particolarmente piatta, mentre in Francia, dove né gli aiuti finanziari né le iniziative della Banca Centrale Europea mirate a contrastare la crisi hanno comportato un forte disaccordo, le tematiche anti-europee hanno invece avuto il predominio.

Né le variabili economiche, come il PIL, né le variabili sociali, come la disoccupazione, sono in grado di spiegare perchè l’Italia ha votato in massa per il Primo Ministro Matteo Renzi del Partito Democratico di centro-sinistra, mentre la Francia ha dato il maggior sostegno al partito di estrema destra di Marine Le Pen, il Fronte Nazionale.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/SlDoSfv/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.