Bisogna tagliare la spesa e risparmiare i poveri

PARIGI – Perché alcuni governi spendono più di altri? La domanda è più complicata di quanto non sembri, soprattutto nel caso dei governi europei.

La risposta potrebbe sembrare ovvia facendo un confronto ad esempio con la Danimarca (dove la spesa pubblica, esclusi i pagamenti degli interessi sul debito, ammontava al 58% del Pil nel 2012) e con gli Stati Uniti (dove lo stesso dato corrispondeva al 35%). Gli ampi servizi pubblici e il vasto servizio previdenziale sembrano essere una spiegazione indiscutibile. I dati sembrano dare ragione alla famosa dichiarazione del cancelliere tedesco Angela Merkel secondo cui il problema è che l’Europa, con il 7% della popolazione mondiale e il 25% del Pil, assorbe il 50% della spesa sociale.

Considerata tale prospettiva, i governi europei devono far fronte a una scelta scomoda. Molti stanno cercando dei modi per contenere il livello di indebitamento pubblico, ridurre i deficit e tagliare la spesa senza gravare sui cittadini più poveri. Ma a giudicare dall’esperienza degli Usa e di altri Paesi non europei, potrebbero dover scegliere tra insolvenza e disuguaglianza. Avendo raggiunto il punto in cui le tasse non potranno essere aumentate ulteriormente, questi governi non possono ripagare i debiti e contemporaneamente mantenere la spesa sociale ai livelli attuali.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/bM7Rp87/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.