La politica europea in trappola

PARIGI – Quando si sono tenute le ultime elezioni del Parlamento europeo, nel 2009, sembrava che i cittadini dell’Europa stessero tutti affrontando gli stessi pericoli. In tutto il continente i governi si preoccupavano di arginare le conseguenze della crisi globale scoppiata l’anno prima. Cinque anni dopo, alla vigilia delle nuove elezioni per il Parlamento europeo, la situazione non potrebbe essere più diversa.

Nel 2009, l’Europa doveva fare i conti con un imperativo ampiamente condiviso: salvare le banche in difficoltà, combattere la recessione e contenere il forte aumento della disoccupazione. Anche la strategia politica era unitaria: stimoli di emergenza, seguiti dal consolidamento fiscale.

C’erano sicuramente delle differenze tra i vari Paesi, ma la maggior parte degli osservatori le considerava meno importanti rispetto alle sfide comuni. Dopotutto, la disoccupazione nel Sud dell’Eurozona era solo marginalmente più alta di quella del nord, e i rapporti debito pubblico/Pil sembravano essere su un percorso di convergenza.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/MtuaZMn/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.