Gli Investimenti Possono Salvare l’Europa?

PARIGI – La crescita economica in Europa è deludente. In teoria tutti i membri dell'Unione Europea avere mostrare una produzione maggiore nel 2014; ma, secondo le ultime proiezioni del Fondo Monetario Internazionale, il tasso medio di crescita nella zona euro sarà appena superiore all'1%. E, nonostante l'economia britannica stia sperimentando un forte impulso, il suo PIL ha solo ora superato la soglia pre-crisi. In termini pro capite , l'UE è ancora più povera di quanto non fosse sette anni fa.

In questo contesto, è emerso un nuovo obiettivo politico: gli investimenti. Il primo ministro italiano Matteo Renzi, che attualmente detiene la presidenza di turno dell'Unione europea, spinge in questa direzione, e Jean-Claude Juncker, il presidente eletto della Commissione europea, li ha definiti la sua "prima priorità." Il suo obiettivo per i prossimi tre anni è di mobilitare ulteriori 100 miliardi di euro (134 miliardi di dollari) all'anno (0,75% del PIL) per investimenti pubblici e privati.

Investire è certamente un tema politicamente attraente. Mette d’accordo i keynesiani e i sostenitori del lato dell’offerta; chi è a favore della spesa pubblica si finalmente trova dallo stesso lato di chi è a favore delle  imprese private. E i tassi d’interesse a lungo termine storicamente bassi senza dubbio offrono un'opportunità eccezionalmente favorevole per finanziare nuove iniziative.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/fUytMOs/it;