Japan visitors walk BEHROUZ MEHRI/AFP/Getty Images

Dal Giappone arrivano lezioni demografiche per l’Europa

BRUSSELS – La demografia non è un destino, almeno non del tutto. Nel corso dei secoli, la politica può influenzare le decisioni relative alla fertilità e la migrazione può trasformare un paese, come dimostra l’esperienza degli Stati Uniti. In orizzonti di tempo più brevi, tuttavia, le tendenze demografiche devono essere prese come assodate e possono avere un profondo impatto sulla crescita. Eppure i fattori demografici vengono spesso trascurati nei report economici, portando a significative distorsioni nelle valutazioni della performance dei paesi. Questo aspetto non emerge in maniera evidente da nessuna parte tranne che in Giappone.

Con un Pil reale – l’indicatore chiave della performance economica  – che è salito solo del 15% dal 2000, o meno dell’1% all’anno, il Giappone sembra l’economia meno dinamica tra le maggiori economie mondiali. Ma considerata la sua demografia – la popolazione in età lavorativa del paese in calo di quasi l’1% all’anno dall’inizio del secolo– tale risultato è notevole.

Infatti, il tasso di crescita del Giappone per persona in età lavorativa era vicino al 2% – molto più alto di Stati Uniti e Europa. Anche se l’economia statunitense è cresciuta più del 35% dal 2000, anche la sua popolazione in età da lavoro è cresciuta in maniera notevole, lasciando il tasso di crescita annuale per persona in età lavorativa a solo l’1%.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/4Nlt21j/it;

Handpicked to read next