James Waterworth  Europe’s Digital Reactionaries, IT crowd box Martin Deutsch/flickr

I reazionari contro il digitale europeo

BRUXELLES – Molti politici europei tessono le lodi di Internet, ma la loro retorica aulica spesso suona vuota. Se da un lato sostengono infatti l’importanza di un’agenda digitale consistente, dall’altro gli stessi politici, spinti dagli interessi protezionisti nazionali, spesso chiedono di mettere un freno agli “stravolgimenti” di Internet imponendo delle norme severe.

Quest’ambiguità è fuorviante. Se si vuole che l’Europa cresca nel ventunesimo secolo, i nuovi leader eletti devono aderire ad un’agenda pro-Internet positiva e concreta. Ciò implica sottoscrivere accordi di libero scambio sul digitale e creare un vero mercato unico europeo del digitale mettendo insieme le 28 giurisdizioni nazionali ancora ad oggi frammentate. Le norme sulle licenze ed il copyright da tempo obsolete devono essere modificate, mentre eventuali nuove normative sulla privacy devono avere l’obiettivo di proteggere i cittadini e dare spazio all’innovazione. Inoltre, è importante respingere le richieste di una localizzazione dei dati obbligatoria e di versioni locali di “Internet”.

Se portata avanti ed implementata, questa sostanziale agenda digitale potrebbe garantire all’Europa ciò di cui ha più bisogno a seguito della crisi finanziaria: la crescita economica. Secondo l’OCSE, Internet rappresenta oggi il 13% della produzione economica degli Stati Uniti, mentre ormai tutte le tipologie di business dipendono oggi dall’economia digitale. Con poche sequenze di tasti, piccole aziende che vendono antiquariato polacco, costumi tradizionali bavaresi o scarpe sapagnole sono cresciute a livello nazionale e hanno raggiunto i consumatori di tutto il mondo.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/JCbY99U/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.