Conforto e determinazione nell’Asia orientale

WASHINGTON, DC – Considerato il persistere dei contenziosi territoriali che coinvolgono la Cina e molti Paesi vicini nei Mari cinesi meridionali e orientali, gli Stati Uniti necessitano di una strategia regionale più nitida. Contemporaneamente, però, l’America deve mantenere i propri interessi e gli impegni di alleanza ed evitare confronti controproducenti, o addirittura un conflitto.

Sarà difficile, soprattutto perché non è chiaro quali rivendicazioni sulle isole e sugli atolli sommersi, oggetto della disputa nella regione, debbano essere riconosciute, e perché gli Usa non hanno intenzione di imporre una soluzione. Allo stesso tempo, gli Usa devono modernizzare le proprie forze armate in risposta alle nuove sfide – in particolare all’ascesa della Cina. Dato che la Cina sviluppa armi di precisione avanzate per potenziare la cosiddetta strategia di Anti access-area denial (A2ad), ovvero di “negazione dello spazio” ad eventuali nemici attorno al territorio cinese, gli Usa devono ripensare a come rispondere alla crescente vulnerabilità delle sue basi e delle forze navali nella regione.

Non c’è una risposta semplice a queste sfide. Serve un approccio articolato, che è ciò che proponiamo nel nostro nuovo libro Strategic Reassurance and Resolve.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/rSS1mdi/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.