L’America Sta Diventando Giapponese?

BERKELEY – Alla fine degli anni ottanta, per gli economisti il Giappone apparentemente non poteva andare male. Essi vedevano un chiaro vantaggio della competitività giapponese rispetto a quella nordoccidentale nella vasta gamma di industrie di precisione ad alta tecnologia e di produzione di massa di beni commerciabili. Registravano anche una economia che, dall’inizio della ricostruzione dopo la seconda guerra mondiale, aveva superato in modo significativo la crescita prevista per le economie europee. Inoltre vedevano una crescita economica molto più veloce di quella sperimentata dalle economie occidentali allorché possedevano gli stessi livelli di produttività, assoluti e relativi.

La scommessa sicura alla fine di quel decennio era che sarebbe andata avanti la fase della meccanizzazione, informatizzazione e robotizzazione. La pressione politica ed economica avrebbe portato un numero maggiore di settori dell’industria giapponese ad intraprendere quella trasformazione verso modalità di organizzazione ad intensa automatizzazione ed alta produttività, che la produzione orientata all’esportazione aveva già subito (e settori come quello agricolo e della distribuzione, nella regione nordatlantica, avevano sperimentato o stavano sperimentando).

L’etica del lavoro giapponese avrebbe continuato ad esserci -proseguiva il ragionamento- e l’elevato tasso di risparmio e la lenta crescita della popolazione avrebbero dato al paese un vantaggio sostanziale in termini di intensità di capitale - e quindi di produttività del lavoro – oltre qualsiasi ampio vantaggio economico potesse sviluppare in termini di produttività totale dei fattori. Inoltre, la vicinanza ad un ampio bacino di lavoratori a basso salario avrebbe permesso al Giappone di costruire una divisione regionale del lavoro, in grado di sfruttare al meglio la forza lavoro altamente retribuita e ben istruita, e di esternalizzare verso l’Asia continentale i lavori poco qualificati, a basso reddito, e quindi a bassa produttività.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/cQRmils/it;
  1. China corruption Isaac Lawrence/Getty Images

    The Next Battle in China’s War on Corruption

    • Chinese President Xi Jinping knows well the threat that corruption poses to the authority of the Communist Party of China and the state it controls. 
    • But moving beyond Xi's anti-corruption purge to build robust and lasting anti-graft institutions will not be easy, owing to enduring opportunities for bureaucratic capture.
  2. Italy unemployed demonstration SalvatoreEsposito/Barcroftimages / Barcroft Media via Getty Images

    Putting Europe’s Long-Term Unemployed Back to Work

    Across the European Union, millions of people who are willing and able to work have been unemployed for a year or longer, at great cost to social cohesion and political stability. If the EU is serious about stopping the rise of populism, it will need to do more to ensure that labor markets are working for everyone.

  3. Latin America market Federico Parra/Getty Images

    A Belt and Road for the Americas?

    In a time of global uncertainty, a vision of “made in the Americas” prosperity provides a unifying agenda for the continent. If implemented, the US could reassert its historical leadership among a group of countries that share its fundamental values, as well as an interest in inclusive economic growth and rising living standards.

  4. Startup office Mladlen Antonov/Getty Images

    How Best to Promote Research and Development

    Clearly, there is something appealing about a start-up-based innovation strategy: it feels democratic, accessible, and so California. But it is definitely not the only way to boost research and development, or even the main way, and it is certainly not the way most major innovations in the US came about during the twentieth century.

  5. Trump Trade speech Bill Pugliano/Getty Images .

    Preparing for the Trump Trade Wars

    In the first 11 months of his presidency, Donald Trump has failed to back up his words – or tweets – with action on a variety of fronts. But the rest of the world's governments, and particularly those in Asia and Europe, would be mistaken to assume that he won't follow through on his promised "America First" trade agenda.